Il 10 febbraio di ogni anno: “giorno del ricordo”,  per ricordare i massacri delle foibe.

Tra il 1943 e il 1947 in Istria migliaia di vittime italiane (tra i 5.000 e i 12.000, secondo le stime) furono massacrate dai partigiani slavi di Tito e gettate nelle locali cavità carsiche, dette “foibe”.